Cittadinanza italiana

Martedì 15 Maggio 2018 12:16 Articolo letto 528 volte

Stampa

La cittadinanza indica l'appartenenza di una persona allo Stato.

In base alla legge italiana (legge n.91/1992) è cittadino il figlio, ovunque sia nato, di genitore italiano, (il principio è detto perciò dello “jus sanguinis” = diritto di sangue, visto che la cittadinanza deriva da quella posseduta dai genitori al momento della nascita. In altri stati invece vige il principio dello jus soli = diritto di suolo, in base al quale la cittadinanza è attribuita a seguito della nascita nel territorio di quello Stato).

 

 

Cittadinanza per naturalizzazione

1. Acquisto per matrimonio (art.5 L. 91/1992 e successive modificazioni)
La richiesta avviene a seguito di matrimonio con cittadino/a italiano/a, trascorsi 2 anni dal matrimonio se vi è residenza in Italia, ridotto a 1 anno in presenza di figli minori.
Il vincolo matrimoniale deve sussistere al momento dell'adozione del Decreto di conferimento della cittadinanza.
2. Concessione per residenza (art.9 L. 91/1992 e successive modificazioni)
La richiesta avviene se sono trascorsi 10 anni di residenza in Italia legale e ininterrotta, periodo ridotto a 4 anni in caso di cittadini U.E.

Le domande di richiesta della cittadinanza in questi casi, vanno inoltrate alla Prefettura – U.T.G. di Treviso.

(clicca qui per visualizzare il sito della Prefettura)

 

 

Dichiarazione di elezione della cittadinanza italiana

Lo straniero nato in Italia, che vi abbia risieduto legalmente senza interruzioni fino al raggiungimento della maggiore età, diviene cittadino italiano se dichiara, entro un anno dal raggiungimento della maggiore età, di voler acquistare la cittadinanza, davanti all'Ufficiale di Stato Civile del Comune di residenza.

 

Riconoscimento della cittadinanza “IURE SANGUINIS”

Per il riconoscimento della cittadinanza jure sanguinis ai cittadini stranieri di ceppo italiano, cioè ai discendenti degli emigranti trasferitisi all'estero, la procedura è di competenza dei Consolati italiani all'estero. Solo nel caso di cittadino straniero che sia iscritto nell'Anagrafe dei residenti la competenza è del Comune.
L'interessato deve fare formale richiesta in marca da bollo (clicca qui per scaricare modello di richiesta cittadinanza iure sanguinis) corredata da tutta la documentazione che dimostri: la discendenza diretta da cittadino italiano; che l'avo non abbia perduto la cittadinanza italiana per naturalizzazione straniera; che non ci sia stata perdita del diritto o rinuncia da parte dell'avo e dei discendenti. Tutta la documentazione deve essere in regola con le norme in tema di legalizzazione e traduzione.
Poiché l'istruttoria della pratica comporta solitamente il ricorso alle Autorità consolari all'estero non si può stabilire preventivamente quale sarà la durata del procedimento.
Solo se vengono confermate tutte le condizioni poste dalla Circolare del Ministero dell'Interno (K.28.1 del 08.04.1991), verrà riconosciuta la cittadinanza italiana e provveduto alla trascrizione degli atti di nascita e/o di matrimonio del richiedente, altrimenti vi sarà un provvedimento di diniego.