Aree tematiche

IL PAT: FINALMENTE AD UN PASSO DALL’APPROVAZIONE DEFINITIVA

Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

ComuneMogliano-tavola-PAT.jpgDopo un anno, a metà marzo 2019 è arrivato il parere della Commissione VAS regionale

 

Nel febbraio 2018 l’Amministrazione Arena ha adottato in Consiglio comunale con i voti compatti della maggioranza, il PAT (Piano assetto del territorio) di Mogliano Veneto.

In seguito all'adozione del PAT, è stata trasmessa alla Regione Veneto la proposta di rapporto ambientale il 9/03/2018 con nota prot. n. 8665 (a seguire integrata con note prot. n. 29172 del 2/08/2018 e prot. n. 37073 del 24/10/2018).

 

Dopo un anno, finalmente, a metà marzo 2019 è arrivato dalla Regione il tanto atteso parere della Commissione VAS, l’atto necessario per concluderne l’iter.

Adesso, finalmente, si apre la fase relativa all’ultimo passaggio dell’approvazione definitiva con la Provincia, avendo scelto, ai sensi dell’art. 15 della Legge regionale 11/2004, la co-pianificazione con questo ente.

 

Venerdì 5 aprile u.s. è stata trasmessa ufficialmente alla Provincia di Treviso l'integrazione degli elaborati del PAT, con il parere VAS e le proposte di modifica conseguenti alle osservazioni e alla VAS.
Entro i primi di maggio il PAT del Comune di Mogliano Veneto sarà sottoposto alla Commissione per la Valutazione Tecnica Provinciale. A seguire sarà indetta la Conferenza provinciale dei servizi per l’approvazione del PAT.

 

“Abbiamo aspettato per un lungo anno il parere della Regione e, finalmente, è arrivato il tanto atteso parere della Commissione VAS. Ora il PAT verrà sottoposto alla Commissione Tecnica Provinciale e subito indetta la Conferenza dei servizi per l’approvazione, che, mi auguro, avvenga entro il mandato. Nel frattempo abbiamo già avviato gli incontri preliminari per la redazione del Piano degli Interventi.

Approfitto per ricordare che avendo scelto, ai sensi dell’art. 15 della Legge regionale 11/2004, la co-pianificazione con la Provincia di Treviso, il PAT viene approvato direttamente in Conferenza provinciale dei servizi, e quindi non sono previsti, per legge, ulteriori passaggi in Consiglio comunale”, commenta il Sindaco Carola Arena.

 

“Il PAT adottato dal Consiglio, dopo aver revocato quello precedentemente adottato nel gennaio 2014, dà un taglio netto al dimensionamento residenziale portando la cubatura a 287.000 mc, contro i 520 mila di quello della precedente amministrazione.

Tutela del paesaggio e valorizzazione ambientale rappresentano l'impalcatura del nuovo PAT, Piano di assetto del territorio, sono le linee guida con le quali abbiamo voluto caratterizzare il nuovo Piano che punta decisamente ad un marcato contenimento del consumo di suolo. In linea con il nostro programma di mandato e con le richieste della popolazione, espresse dalle 164 osservazioni al PAT precedentemente adottato, abbiamo concepito il suolo quale “bene comune” e da questo conseguono le linee guida e le azioni previste dal piano per la rinaturalizzazione, riqualificazione, rigenerazione di ambiti e territori urbanizzati e per la disciplina delle “non compatibilità”, ovvero di quelle aree le cui previsioni del PRG sono considerate incompatibili con le scelte strategiche del PAT e pertanto vanno oggi “congelate” e ridefinite con il successivo Piano degli interventi”, commenta il sindaco Arena e conclude “Una riduzione vera, che riguarda anche le aree C2 di completamento, sulle quali la scorsa amministrazione, grazie ad un emendamento da essa presentato al suo stesso PAT, e venduto come strumento anti cementificazione, aveva lanciato una corsa a costruire autorizzando in poco più di tre mesi immediatamente precedenti le elezioni oltre 90 mila metri cubi, da noi in parte revocati dopo essere stati eletti”.

antalya escort adana escort ankara escort hatay escort bodrum escort gaziantep escort kayseri escort samsun escort afyon escort manisa escort