Aree tematiche

"DATE LA CASA A QUELLA POVERA DONNA" - APPELLO AL COMUNE DI VENEZIA DI G.AZZOLINI E L.BAGGIO

Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Foto Azzolini

15-12-2009

Luca Baggio e Giovanni Azzolini lanciano un appello al Comune di Venezia:"Date la casa a quella povera donna"."Marito ucciso, senza lavoro, tre figli, al freddo. L'appartamento è pronto, da mesi aspetta l'assegnazione, cosa aspettano a darglielo?"

Durante la trasmissione andata in onda venerdì scorso in prima serata su Rete Veneta, alla quale ha partecipato la signora Romina Vianello, che ha raccontato la sua drammatica storia, era presente anche il Sindaco di Mogliano Veneto Giovanni Azzolini, che si è da subito mobilitato in favore di Romina. Giovanni Azzolini e il Consigliere Regionale della Lega Nord Luca Baggio intervengono con un appello, per dare casa e dignità a Romina Vianello, 39 anni, moglie di Giampaolo Granzo, veneziano quarantenne che gestiva un banco di frutta e verdura in pieno centro a Venezia, nel mercato di San Leonardo, assassinato da un moldavo nel marzo del 2007.«Tre figli, di cui la più piccolina, due anni e mezzo, non ha mai visto il papà, morto ammazzato nel quartiere Cannaregio, dove gestiva un banco di frutta, quando la mamma era incinta. Lei è senza lavoro, anche perché con i tre piccoli non saprebbe come fare, vive in un alloggio inadeguato, con problemi di riscaldamento. Ha diritto ad un alloggio popolare che il Comune di Venezia le ha assegnato in Cannaregio 2971/b, sono mesi che aspetta, rinviano di settimana in settimana e le chiavi ancora non le ha viste».«Questa povera donna – prosegue Luca Baggio, già Presidente dell’Ater di Treviso - non sa più cosa fare e a chi rivolgersi. La casa le è stata mostrata, i lavori di restauro sono finiti in ottobre; lei ha preso le misure, ha già venduto parte dei mobili dell’appartamento in cui risiede che è inadeguato alle sue esigenze, ha acquistato la cameretta per le bambine che ha dovuto lasciare sul pianerottolo del nuovo appartamento dove non può entrare. Il Comune le ha scritto diverse lettere, a metà novembre sembrava che l’assegnazione fosse cosa fatta, invece ancora niente. E’ disperata e spero che il Sindaco di Venezia si metta una mano sulla coscienza ed intervenga a favore di questa donna e faccia il regalo di Natale che lei ed i suoi figli stanno aspettando
antalya escort adana escort ankara escort hatay escort bodrum escort gaziantep escort kayseri escort samsun escort afyon escort manisa escort